7 giugno 2019   — @beatrice.roat

La mascotte di Edimburgo: la commovente storia di Greyfriars Bobby

Sono le particolarità di un luogo a renderlo sempre affascinante! E chi meglio della nostra amica Beatrice può raccontarci le attrazioni più interessanti della Scozia? In questo articolo ci porta alla scoperta di Bobby... Non lo conoscete? Buona lettura allora :)

— Fedele @ Wanderoo

Non c’è guida turistica che non citi nel capitolo dedicato ad Edimburgo il nome di Bobby e non c’è amante della Scozia che non conosca la storia di questo cagnolino di razza Skye Terrier, divenuto la mascotte di Edimburgo e dei suoi abitanti. A testimoniare l’affetto degli scozzesi ci pensa da più di un secolo la statua di bronzo posta in cima ad una fontana di granito fuori dal cimitero di Greyfriars, luogo indissolubilmente legato alla storia del cagnolino. Ma da dove deriva tutto questo affetto, vi chiederete? Bobby divenne famoso ad Edimburgo nel XIX secolo per aver vegliato sulla tomba del suo defunto padrone per ben 14 anni!

La statua di Bobby
La statua di Bobby

Il padrone di Bobby, John Gray, era una giardiniere arrivato ad Edimburgo nel 1850 assieme a moglie e figlio e che aveva trovato un impiego come guardiano notturno nella Polizia. Nelle lunghe notti di lavoro la sua unica compagnia era il suo amato cagnolino Bobby: i due diventarono una coppia inseparabile e conosciuta da tutti, in giro per le strade della città. Putroppo John si ammalò gravemente di tubercolosi e a seguito della sua morte avvenuta il 15 febbraio del 1858 venne sepolto nel cimitero di Greyfriars.

La statua di Bobby
La statua di Bobby

Fu in quel periodo che Bobby si fece strada tra i cuori dei cittadini: il piccolo cagnolino dimostrò tutta la sua fedeltà canina vegliando sulla tomba del padrone defunto. Non per un giorno o due, ma per ben ben 14 anni. Bobby ne se stava li, accoccolato vicino alla lapide, in qualsiasi condizione climatica e nonostante i ripetuti tentativi del custode del cimitero di scacciarlo. Alla fine anche l’uomo di arrese e preparò per il cagnolino un giaciglio sotto alla lapide rialzata che ancora oggi si trova accanto a quella di John Grey.

La tomba di Joh Grey è quella rosa sulla sinistra
La tomba di Joh Grey è quella rosa sulla sinistra

In men che non si dica il cagnolino Bobby divenne famoso in tutta Edimburgo e si dice che ogni giorno una folla si radunasse davanti all’entrata del cimitero, aspettando il colpo di cannone delle 13 (che viene sparato ogni giorno dal castello), unico momento in cui Bobby lasciava la tomba per il suo pasto quotidiano che i ristoratori della zona erano soliti lasciargli. La vita di Bobby venne messa in pericolo nel 1867 quando una nuova legge impose di catturare e sopprimere i cani per i quali non era stata pagata una licenza (che non appartenevano quindi a nessuno): fu il sindaco di Edimbugo in persona, Sir William Chambers, a pagare la licenza di Bobby e a salvargli quindi la vita. Il collare che reca “Greyfriars Bobby from the Lord Provost 1867 licensed” è tutt’oggi visibile al Museo di Edimburgo.

La tarda commemorativa sulla statua di Bobby
La tarda commemorativa sulla statua di Bobby

La gente di Edimburgo si prese cura di Bobby fino alla sua morte, avvenuta il 14 gennaio 1872, all’età di 16 anni. A ricordo del fedele Terrier venne posta una lapide fuori dalla chiesa di Greyfriars, poco lontano da quella del suo padrone, dove la gente lascia tutt’oggi fiori o dei bastoni, come se il cagnolino potesse tornare da un momento all’altro a giocare. Ovviamente ci sono state negli anni successivi delle riadattazioni cinematografiche e in particolare vi ricordo il film di Walt Disney “Greyfriars Bobby” del 1961 e “The Adventures of Greyfriars Bobby” del 2006.

La lapide commemorativa di Bobby davanti alla Greyfriars Kirk
La lapide commemorativa di Bobby davanti alla Greyfriars Kirk

Nel corso del tempo è sempre stata usanza toccare il naso della statua di Bobby come auspicio di fortuna, tuttavia da alcuni anni i turisti sono invitati a non farlo per evitare di rovinare il monumento che a forza di essere toccato è stato gravemente danneggiato. Quindi per favore, se andate a trovare Bobby non toccate il suo piccolo nasino!

“Greyfriars Bobby – died 14th January 1872 – aged 16 years – Let his loyalty and devotion be a lesson to us all”.

Primo piano di Bobby :)
Primo piano di Bobby :)

condividi su

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su WhatsApp Condividi...
Richiedi il tuo Itinerario

Scopri altre avventure nel nostro Blog